IONEl rapido sviluppo tecnologico da alcuni anni ha investito con prepotenza l’area dei mezzi di comunicazione, con una produzione di strumenti sempre più avanzati ma, allo stesso tempo, accessibili grazie ad un costo relativamente contenuto.

Di conseguenza, i ragazzi si trovano per le mani tecnologie sofisticate che consentono loro di accedere a canali di comunicazione molto ampi (internet, social network, ecc.), in veste sia di fruitori che di produttori di contenuti (testi, ma soprattutto video e foto). Nonostante la padronanza tecnica del mezzo sia adeguata, i ragazzi spesso non hanno sufficiente coscienza delle implicazioni etiche e culturali del loro utilizzo dei nuovi media, né sono pienamente in grado di valutare la portata comunicativa dei messaggi che veicolano.

Gli adulti (genitori, docenti, educatori) si trovano, spesso, ad essere più ignoranti in materia dei ragazzi stessi, con enormi difficoltà ad attribuire la giusta dimensione al fenomeno (che viene spesso sottovalutato o al contrario demonizzato), ad individuare regole e limiti da imporre, ad orientare i ragazzi ad un utilizzo consapevole, critico e positivo dei nuovi strumenti di comunicazione.

Per questi motivi la nostra Cooperativa ha da qualche tempo sperimentato interventi volti alla conoscenza e all’educazione all’uso dei nuovi media di comunicazione, da realizzarsi in contesto scolastico e/o extrascolastico, rivolgendosi sia ai ragazzi che agli adulti.

OBIETTIVI

TWOOGli interventi rivolti ai ragazzi sono finalizzati a:

  • acquisizione di strumenti di approccio critico alla fruizione dei nuovi mezzi di comunicazione (decodifica del linguaggio, comprensione delle strategie comunicative, lettura critica dei contenuti, rapporto tra reale e virtuale);
  • riflessione e presa di coscienza rispetto al condizionamento in termini economici, sociali, politici, di stile di vita esercitato dai mass media sui loro fruitori;
  • riflessione sulle cornici culturali ed etiche finalizzata ad un uso critico e responsabile delle nuove tecnologie e dei nuovi media;
  • acquisizione di competenze tecniche per un uso creativo ed originale di nuove forme espressive e comunicative;
  • sperimentazione diretta nella produzione di contenuti multimediali (esplorazione delle potenzialità dei media, uso positivo degli strumenti tecnologici)

Nei confronti degli adulti (genitori, docenti, educatori, ecc.) gli interventi, invece, sono finalizzati a:

  • “alfabetizzazione” all’uso delle nuove tecnologie;
  • comprensione e capacità di utilizzare il “linguaggio” dei ragazzi;
  • demistificazione del concetto di pericolo dei nuovi media: visione equilibrata tra rischio e opportunità, strumenti per l’esercizio di un corretto controllo genitoriale e accompagnamento dei ragazzi e per il trasferimento dei valori fondamentali della convivenza civile (rispetto di sé e dell’altro, privacy, legalità, ecc.) anche alla sfera della comunicazione multimediale.

AZIONI EDUCATIVE
Realizzazione di interventi formativi  ed educativi attraverso una metodologia interattiva, che punta ad un coinvolgimento diretto del gruppo, strutturata su diversi momenti:

  • presentazione del percorso, delle modalità e delle finalità;
  • inquadramento teorico dei contenuti del percorso;
  • partecipazione attiva del gruppo, attraverso tecniche di simulazione, di lavoro di gruppo, di animazione;
  • sperimentazione delle competenze acquisite attraverso attività laboratoriali di utilizzo di strumenti  e di produzione di contenuti